Cultural Care Au Pair

Dal momento in cui la mia famiglia ospitante – i Lovejoy – è entrata a far parte della mia vita, ho capito subito che quello era il mio posto. Mi hanno accolta nella loro casa e nei loro cuori a braccia aperte. E hanno trasformato il mio tempo all’estero in un’esperienza che porterò per sempre con me.

Al mio arrivo in stazione sono stata accolta con laccetti fatti apposta per me dai bambini. La mia primissima sera con i Lovejoy, hanno cucinato un piatto tradizionale inglese solo per farmi sentire a mio agio a casa con loro.

Abbiamo svolto così tante attività familiari quest’anno. Abbiamo festeggiato il Giorno del Ringraziamento con il resto della famiglia a New York. Era la prima volta che festeggiavo il Thanksgiving e anche la prima volta che incontravo la famiglia della mia mamma ospitante, ma sono stati tutti molto gentili e accoglienti, dal primo all’ultimo.

Tutti insieme, come una vera famiglia, siamo andati al cinema, a pattinare sul ghiaccio, a mangiare fuori, alla recita di Natale dei bambini e persino a scegliere l’albero di Natale. Una giornata magnifica che ricorderò per sempre. Siamo andati in un vivaio di alberi di Natale e abbiamo girato per un’ora alla ricerca dell’albero giusto. Poi l’abbiamo portato a casa e decorato tutti insieme. Al momento di appendere le calze al camino, ho scoperto che c’era anche una calza fatta a mano con il mio nome! Un gesto che ha significato davvero molto per me.

A Natale hanno preparato il loro pranzo tradizionale natalizio e io ho cucinato lo Yorkshire Pudding inglese da mangiare insieme. É stato un bel pranzo e una grande festa con tutta la famiglia e tutti si sono scambiati i regali. Tutta la famiglia è stata così generosa e ho ricevuto un sacco di regali stupendi e carichi di affetto. Mi sono sentita davvero parte della famiglia.

Dopo solo pochi mesi dall’inizio del mio anno come ragazza alla pari, la mia tata è venuta a mancare. Le ero molto affezionata e per questo motivo i miei genitori ospitanti mi hanno incoraggiato a fare qualsiasi cosa ritenessi necessaria per elaborare il lutto, che fosse tornare a casa per il funerale o rimanere negli Stati Uniti. Alla fine ho deciso di rimanere e nel giorno del funerale della mia tata, la mia famiglia ospitate mi ha comprato un sacco di belle cose per farmi sentire meglio. Abbiamo addirittura preso il tè del pomeriggio con i biscotti in onore della mia tata (era la cosa che amava di più). É stata tutta un’idea della mia mamma ospitante, e il fatto che abbia pensato e fatto tutto questo per me mi ha davvero commossa.

Vorrei inoltre sottolineare che i miei bambini ospitanti sono meravigliosi. Si sentono a loro agio e amano passare del tempo con me, penso davvero che mi vedano un po’ come una sorella maggiore. E l’idea mi piace un sacco. Oltretutto, i Lovejoy mi spingono sempre ad uscire con le mie amiche nel tempo libero. Accade spesso che le mie amiche rimangano a dormire e ai miei genitori ospitanti fa molto piacere, gli piace incontrare i miei amici.

Presto andremo tutti a visitare Disneyland come una famiglia! Si tratta di un viaggio molto costoso e non mi aspettavo di farne parte. Ma i miei genitori ospitanti hanno comprato un biglietto aereo a mio nome e mi hanno invitato ad andare con loro. Sono così contenta e mi ritengo molto fortunata.

Tutto ciò che la famiglia Lovejoy fa per me gli viene assolutamente naturale. Sono gentili, premurosi, amorevoli e mi trattano davvero come un membro della famiglia. Sono la miglior famiglia che mi potesse capitare. Sono davvero emozionata al solo pensiero di tutti i giorni, i mesi, le risate, le esperienze e i momenti speciali che ci aspettano.