Cultural Care Au Pair

La nostra famiglia ha ricevuto la benedizione di tre meravigliosi maschietti. Pur adorando i nostri ragazzi, abbiamo sempre desiderato avere una femminuccia. Non ci saremmo mai aspettati che un giorno la nostra famiglia avrebbe effettivamente accolto una bambina… ma una bambina di diciotto anni proveniente da Hannover, Germania.

La prima volta che abbiamo conosciuto Julia su Skype, siamo rimasti parecchio colpiti dalla sua sicurezza e dal suo senso dell’umorismo. Mi ricordo che al termine della chiamata via Skype ci chiese con gentilezza se poteva inviarci via e-mail un “mini resoconto” quotidiano man mano che andavamo avanti con il processo di valutazione. La nostra risposta ovviamente è stata “affermativa” vedendo la cosa come un modo fantastico per conoscerci meglio. Non ci aspettavamo che da lì all’arrivo di Julia nella nostra famiglia, avremmo ricevuto 174 di quei mini resoconti quotidiani!

174 mini-resoconti e 15 chiamate Skype più tardi, siamo andati a prendere Julia in aeroporto ed è stato come se facesse parte della famiglia fin dalla nascita dei nostri figli. Sapeva come farli ridere, cosa gli piaceva leggere, i loro piatti preferiti, quali dinosauri amavano, quali erano i pesci che prendevano di mira nello stagno e addirittura quali Pokemon gli piaceva catturare!

La sua disponibilità nell’assecondare l’amore che i ragazzi avevano per la natura era fenomenale. Partiva con loro per escursioni notturne alla ricerca di rane e insetti. È anche venuta a pescare con noi nei laghetti del quartiere o nei fiumi delle Montagne Rocciose. Anche dopo aver accompagnato i bambini al Centro Natura per la 50esima volta, non si è mai lamentata dato che i bambini trovavano ogni visita sempre così divertente.

Julia è socievole ed estroversa e ha come amiche le ragazze alla pari più simpatiche di tutta l’America! Le sue due amiche (entrambe chiamate Vicky) erano un vero spasso. Portarle tutte e tre nel ristorante tedesco della zona e guardarle raggiungere il gruppo sul palco per cantare canzoni tedesche & austriache era semplicemente fantastico. Ci auguriamo che l’amicizia di Julia con queste splendide ragazze duri per tutta la vita.

Quando Julia è entrata a far parte della nostra famiglia, sapevamo che dirsi addio sarebbe stato difficile. Dicemmo a Julia: "Se alla fine di questa esperienza non scoppieremo tutti a piangere, significa che non eravamo la famiglia ospitante giusta per te." Bè, siamo scoppiati a piangere. A dirotto. La parte più dura è stata guardarla mentre passava attraverso i controlli di sicurezza in aeroporto. All’improvviso nostra figlia non c’era più. Amiamo Julia con tutto il cuore e non vediamo l’ora che faccia ritorno a casa, la sua seconda casa, e speriamo che accada presto.